Posted On Settembre 19, 2019 By In Lavoro With 53 Views

Nota trimestrale sulle tendenze dell’occupazione

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’ISTAT, l’INPS , l’INAIL e l’ANPAL pubblicano – sui rispettivi siti web – la “Nota trimestrale sulle tendenze dell’occupazione“, relativa al secondo trimestre 2019.

Nel periodo preso in esame, si osserva un aumento dell’occupazione sia rispetto al trimestre precedente sia su base annua. In particolare, l’insieme dei dati rilevati consente di evidenziare, tra gli altri, i seguenti aspetti: “prosegue la crescita tendenziale dell’occupazione dipendente in termini sia di occupati sia di posizioni lavorative riferite ai settori dell’industria e dei servizi”; il lavoro indipendente mostra per il secondo trimestre consecutivo una crescita congiunturale (+17 mila occupati, +0,3%); “le posizioni lavorative dipendenti, nei dati destagionalizzati, presentano un incremento congiunturale”.

La Nota diffusa oggi contiene una novità di rilievo: a partire da questo trimestre, sono presenti alcune informazioni sulle durate previste delle attivazioni delle posizioni dipendenti a tempo determinato.

Come è consuetudine, alla Nota vengono allegati i dati in formato Excel relativi alle serie storiche: i flussi di attivazioni, cessazioni e trasformazioni per settore di attività economica e tipologia contrattuale (Comunicazioni Obbligatorie, fornite dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, rielaborate); gli stock relativi alle posizioni lavorative dipendenti nelle imprese industriali e dei servizi di fonte Istat provenienti dalla rilevazione su Occupazione, retribuzioni, oneri sociali (Oros).

Fonte: Ministero del Lavoro

Tags : , , , , , ,

Avatar

La mia quasi ventennale esperienza lavorativa riguarda l'ambito amministrativo-commerciale, ma da sempre coltivo l'amore per la scrittura. Nel 2014 ho pubblicato un volume sul tema del lavoro "Alziamo il tiro. Un corpo a corpo con la Rerum Novarum, tra i falsi rimedi di ieri e di oggi". Amo la conoscenza e cerco di combattere l'ignoranza: la mia e quella degli altri.

Rispondi