4.5 C
New York
mercoledì, Novembre 30, 2022

Una sterile protesta

Quante sterili proteste leggiamo ogni giorno sui social! La sterile protesta ha ormai soppiantato la valida proposta. Da un semplice “vergogna” ad un più articolato pensiero, il risultato è il medesimo: tutto è perduto. Secondo la categoria dei disfattisti nulla più funziona: parrocchie, partiti, scuola, politica, istituzioni.

Cosa rispondere a chi ha gettato l’ancora in un tempo che non c’è più e che neppure, in verità, è mai stato l’eden di cui si racconta?

Ecco cosa rispondere: per fortuna che ci siete voi! Cosa faremmo se non ci foste voi a ricordare che di buono non è rimasto nulla? Voi, a cui la Storia assegna il ruolo dei puri dalle labbra impure, giacchè gettate sugli altri le ombre che portate dentro?

Quanto vi sbagliate! Questo è il tempo favorevole. Come scriveva qualche anno fa Franco Miano, Presidente dell’Azione Cattolica Italiana :”Questo è il tuo tempo, questo è il momento favorevole, favorevole per te, per fare il bene, non ce n’è un altro, è questo il tuo tempo. E nel tempo c’è lo spazio. Perché il tempo raccoglie tutto: c’è lo spazio, ci sono i luoghi, ci sono le situazioni della vita. Ma questo è il tuo tempo: è un tempo da amare, anche se è pieno di contraddizioni, ma è un tempo bellissimo, perché è il tuo tempo, quello in cui si dipana la tua vita, in cui c’è la possibilità di costruire delle relazioni di bene, di far prevalere l’amore, di essere fratelli, di guardare al mondo intero. In questo senso noi non siamo a porci in una dimensione di distanza dal tempo, perché noi siamo in questo tempo, e anche questo è un dato che dobbiamo saper leggere dal punto di vista spirituale. Altrimenti il nostro rapporto con la società si riduce a dire: “queste cose vanno male”, “noi dovremmo fare questo”, “dovremmo cambiare quest’altro”, e rischia di rimanere una sterile protesta”.

Vogliamo rimanere ancorati alla sterile protesta o passare ad una valida proposta?

 

Rispondi