4.4 C
New York
mercoledì, Novembre 30, 2022

Perdere e ricominciare

Abbiamo fatto tutti esperienza di una perdita. Di più perdite. Molte volte si è trattato di perdite che abbiamo semplicemente subito: la morte di un genitore, un parente, oppure, un lavoro nel quale abbiamo investito impegno, sacrificio e tanta energia. Perdere….accade.

E’ come cadere in mare, ritrovarsi bagnati, timorosi tra le onde che ci vengono incontro. Uno scenario nuovo, uno spazio immenso dove imparare ad orientarsi e nel quale non è possibile rimanere immobili. Iniziamo a nuotare, facciamo leva su tutte le nostre forze per rimanere a galla, per raggiungere una nuova riva. Proprio quando le forze sembrano venire meno, all’orizzonte, finalmente, vediamo la terra ferma. Ce l’abbiamo fatta, è stata dura, ma non importa. Ciò che conta è che riusciamo a percepire il calore della sabbia nelle nostre mani, sulla nostra pelle. La abbracciamo quella terra, sorridiamo e piangiamo.

Passa il tempo, la nostra vita riprende il suo normale corso, raggiungiamo la tanto sospirata serenità. Con il pensiero ritorniamo spesso a quella lunga traversata, alle acque gelide del mare che abbiamo attraversato e ci domandiamo se la paura provata durante il percorso non sia ancora presente dentro di noi, tanto da rappresentare un limite, costituire un freno per le nostre scelte future.

E’ proprio in questo momento, quando il ricordo della perdita e della paura tornano a farci visita, che dobbiamo domandarci se, nonostante il ritorno alla normalità, noi non siamo ancora seduti su quella riva, bagnati, a tremare per il freddo e a causa della paura sperimentata.

Siamo fermi al palo o siamo davvero ripartiti? Il nostro orizzonte da cosa è costituito? Basta la consapevolezza di avercela fatta oppure il punto di arrivo è un punto di ripartenza perchè la vita si rinnovi sempre in noi?

“E senti allora, se pure ti ripetono che puoi fermarti a mezza via o in alto mare, che non c’è sosta per noi,
ma strada, ancora strada, e che il cammino è sempre da ricominciare (Eugenio Montale). (

 

 

Rispondi