12.9 C
New York
martedì, Dicembre 6, 2022

Non più a sud di se stessi

di *Luca Diotallevi

Se seguite Cinzia (Docile) e questa sua impresa intelligente ed eroica, significa che siete intelligenti e forse anche un po’ eroici o eroiche pure voi. E se lo siete, allora non vi urterà sentir dire che – almeno così la penso – un modo degno di festeggiare l’anniversario di una delle belle imprese della santamente in-Docile Cinzia è dire forte che di un certo tipo di meridionalità non se ne può proprio più.

Annoia chi non vive dal Po in giù (e ad ovest del Ticino e ad est del Piave), fatta salva l’esile e vitale direttrice adriatica. Ammalora l’anima di chi vive in questo ormai mega-Sud, perché a questa nuova maggioranza assoluta di italiani fornisce gli alibi peggiori. Con la volgare colonna sonora di Gigione e dei neomelodici.

Basta piagnistei, ragazzi/ragazze, e basta “masanielli”: si chiamino Salvini o Di Maio, De Luca o Emiliano, De Magistris o Orlando. Non saranno loro a risolvere i guai (e peggio) fatti da Andreotti, perché di questo non sono che la versione a colori.

La strada (giusta) è un’altra. Il tono (giusto) è un altro. Sono la strada ed il tono di chi intraprende, studia, lavora, fa associazionismo (di qualsiasi tipo), duramente e responsabilmente. Questa strada porta sempre più gente ad emigrare. Ed è bene che sia così, se non ci sono alternative: che almeno qualcuno si salvi.

Ma se avvisaglie di alternativa ancora ci sono, per favore, provate a coglierle, anche a costo di spenderci anni ed energie e forse a lasciarci le penne. Perché questa è vita. Non quell’altra, quella del bighellonare nei bar, nelle logge o nei “posti statali”.

E per fortuna che ogni tanto viene fuori la penna di un Pif o di un Checco Zalone che queste cose sanno dire in modo tagliente, ma non indigesto. Scusatemi, io – da umbro, neo-terrone del mega-sud italiano – non ne sono capace.

Smascherate il piagnisteo di preti e vescovi che compiangono senza compassione e senza assunzione di responsabilità e realismo. Preti, vescovi, sagrestani di ogni risma e “operatori pastorali” che per lisciare il pelo al dolore, non denunciano la passività, la pigrizia e la complicità, anche quelle della nostra amatissima Chiesa. Non serve al Vangelo gente di Chiesa che va in estasi di fronte ad una telecamera. Che incensa l’idolo della “legalità” e snobba il diritto.

Chiedetela voi l’autonomia, come la chiedono Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. Sturzo prima di Bossi aveva chiesto la abolizione dei prefetti e Sturzo aveva detto che il federalismo serve al Sud non meno che al Nord. Chiedete che lo Stato non ripiani più la spese ingiustificate delle vostre (e nostre) Amministrazioni Regionali e delle vostre (e nostre) Sanità regionali. Fatelo presto: siamo agli sgoccioli, forse siamo già agli ultimi minuti dei tempi supplementari. L’Istat ci dice che alcune zone del Sud sono allo spopolamento e che al Sud si fanno meno figli che al Nord. Il caldo sahariano, che sta arrivando, potrebbe bruciare e seccare una terra già abbandonata.

I vostri alleati stanno nelle Città, non nello Stato. Stanno a Milano, Bergamo, Brescia e Verona (e ad Ancona, a Pescara e nelle città pugliesi). Non stanno a Roma. Falcone e Borsellino lo avevano capito bene che a Roma (e a Palermo e a Reggio e a Napoli ecc.) sta il problema, non la soluzione. Ma è possibile che ancora abboccate a qualsiasi promessa dell’ultimo statalista che passa?

Lottate, lottate anche per noi e con noi. Lottate per voi stessi. Lottate per essere voi stessi. Sarete voi stessi solo lottando: è la vita. Sarà durissima, ma avrà un senso. Altrimenti, sarà durissima lo stesso, ma senza senso. E profondamente umiliante.

*Professore di Sociologia all’Università di Roma Tre. Autore di diversi saggi, editi dalla casa editrice Rubbettino: Una alternativa alla laicità (2010), L’ultima chance (2011), La Pretesa (2013), L’ordine imperfetto (2014), Il paradosso di Papa Francesco (2019).

Rispondi

Mezzogiorno inoltrato

Ancora una volta la domanda fatidica è: quale posto occupa il Mezzogiorno nei programmi delle forze politiche candidate alle elezioni dell'ormai prossimo 25 settembre?...

BP: in attesa di un anniversario diverso

Siderno, 30 giugno 2005, 43 gradi all'ombra. Ancora conservo le pagine dei giornali di allora. Una data impossibile da dimenticare. Sì, ero lì quel...

Festa della Repubblica: le premesse di Enrico De Nicola

Oggi, 2 giugno, Festa della Repubblica italiana. Come onorare questo importante anniversario? Sempre alla ricerca delle premesse smarrite. Ecco perchè ritengo utile proporre il...

La lettera di Confprofessioni Calabria al Presidente Mattarella

Signor Presidente, la scrivente è Commissario di Confprofessioni Calabria, parte sociale, che rappresenta associazioni delle seguenti aree: Economia e Lavoro (UNGDCEC, ANREV, ANCL, ANC, ADC),...

Vent’anni di riforme del mercato del lavoro. Ma il dualismo Nord-Sud è aumentato

Nell’ultimo ventennio, il mercato del lavoro italiano ha subito profonde trasformazioni. Le riforme che si sono susseguite − dal “Pacchetto Treu” (L. 196/97) alla...