10.9 C
New York
domenica, Novembre 27, 2022

Lo Ius Scholae

La Commissione Affari Costituzionali alla Camera dei Deputati sta discutendo in queste ore un nuovo disegno di legge riguardo l’ottenimento della cittadinanza italiana da parte dei minori stranieri legalmente residenti in Italia.
Si tratta di una grande opportunità per milioni di ragazze e ragazzi nati nel nostro Paese o che vi risiedono da un lungo periodo di tempo di vedere finalmente riconosciuto il loro diritto alla cittadinanza, dopo l’arresto dei lavori parlamentari per il disegno di legge riguardo lo Ius Soli( diritto di suolo) ovvero la possibilità per ogni bambino nato in Italia, indipendentemente dall’origine dei propri genitori, di essere a tutti gli effetti cittadino italiano.
La nuova proposta di legge, qualora dovesse essere approvata da entrambi i rami del Parlamento, prevede l’acquisizione della cittadinanza italiana da parte dei bambini nati in Italia da genitori stranieri legalmente residenti nella Penisola o arrivati nel Belpaese entro il dodicesimo anno di età e che abbia frequentato per almeno cinque anni la scuola italiana in modo continuo.
La cittadinanza verrebbe concessa solo dopo la verifica dei suddetti requisiti a seguito della presentazione della domanda da parte dei genitori se il ragazzo è minore o da parte dello studente maggiorenne entro due anni dal raggiungimento del diciottesimo anno di età.  

Rispondi