Sviluppo Category

Posted On aprile 15, 2018By Cinzia - The EnquirerIn Lavoro, Società, Sviluppo

Riders: verso una forma di “contrattazione metropolitana”?

Quello che segue è il testo della nota congiunta del Comune di Bologna e dei Riders Union Bologna, nel quale si fa riferimento alla messa in atto di un “primo tentativo  di una nuova forma di contrattazione metropolitana, una “Carta dei diritti fondamentali del lavoro digitale nel contesto urbano”, che vedrà anche il coinvolgimento delle principali sigle sindacali. La nota congiunta è stata redatta e pubblicata all’indomani della sentenza emessa dal Tribunale del lavoro di Torino che ha respinto il ricorso di alcuni riders (o fattorini) nei confronti di Foodora,Read More
Sono estremamente grato a The Job Enquirer per aver posto l’accento su profili poco noti della grande questione sociale che interessa questo Paese e la mia generazione in particolare. Per alcuni questa si risolve nelle grandi trasformazioni tecnologiche e sul modo in cui esse cambieranno inesorabilmente le nostre vite. Altri ritengono invece che basti parlare, spesso invero poco a proposito, di etica e di bene comune perché i processi economici possano come per magia essere giustificati e giustificabili da un qualcosa che loro chiamano fede, ma che non è diversaRead More
Per  accostarci al dramma di chi vive l’esperienza di un possibile licenziamento, nei call center come in altre aziende sparse in tutta Italia, è imprescindibile avere contezza di alcuni punti fermi, senza così cadere nella tentazione delle false premesse o false promesse, entrambe anticamere dei luoghi comuni e delle inutili frasi fatte. Partiamo dal profitto, sempre demonizzato, chissà perchè. E’ bene ricordare che senza il profitto, senza la ricchezza, non è possibile investire nè al Nord e nè al Sud Italia. Senza investimenti non c’è crescita, ne siamo tutti consapevoli.Read More

Posted On aprile 12, 2017By Cinzia - The EnquirerIn Lavoro, Società, Sviluppo

Caso Italia: causa persa o questione di cuore?

Alle porte delle festività pasquali lo scenario che si presenta sotto i nostri occhi, sia a livello locale che nazionale, è ben lungi dal rimandare ad una terra e ad un popolo che aspirano a risorgere da una mentalità di morte. Corruzione, mafia, clientelismo, sfruttamento lavorativo, aumento delle disuguaglianze sociali, guerre tra Procure, un senso di giustizia davvero annacquato, un potere politico sempre più spavaldo, tanta rassegnazione da parte delle fasce più deboli della popolazione, tanta povertà materiale e morale, sembrano essere i tratti caratteristici dell’Italia da consegnare alla Storia.Read More
Nella traccia di riflessione che l’economista Leonardo Becchetti ha presentato recentemente a Napoli, in occasione del Convegno “Chiesa e lavoro: quale futuro per i giovani del Sud?”, abbiamo letto della rilevanza del voto col portafoglio, definito “uno strumento importante che abbiamo a disposizione per premiare la dignità del lavoro”. Nello specifico, il prof. Becchetti ha posto l’accento sulla necessità di comprendere che “il mondo economico è governato dalla domanda e la domanda siamo noi. Siamo così poco consapevoli del nostro potere che pensiamo di essere prigionieri delle grandi imprese transnazionali.Read More
A qualche giorno dalla chiusura dei lavori del Convegno “Chiesa e lavoro. Quale futuro per i giovani del Sud?”, tenutosi nella città di Napoli, emergono con ancora più chiarezza alcuni elementi di riflessione, probabilmente rimasti nascosti tra le pieghe degli interventi che si sono succeduti lungo tutto l’evento. Al netto della straordinaria importanza che appuntamenti del genere rappresentano per la Chiesa e per la società tutta, della preziosità dei messaggi proposti dai vescovi, è importante evidenziare, in una logica assolutamente costruttiva e senza alcun timore, alcune contraddizioni e luoghi comuniRead More

Posted On gennaio 16, 2017By Cinzia - The EnquirerIn Economia, Lavoro, Sviluppo

Aeroporto dello Stretto e una rotta verso la salvezza

Nel quadro della difficile e delicata questione che interessa l’aeroporto dello Stretto, intitolato al reggino Tito Minniti, continua a gonfiarsi l’elenco delle istituzioni chiamate in causa a risolvere il problema della chiusura dello scalo a seguito anche del disimpegno di Alitalia. A chiama in causa B, B chiama in causa C e così via. Peccato, però, che nè A,B,C chiamino in causa la storia passata con i suoi protagonisti e le ragioni che hanno portato alla situazione che oggi decreta definitivamente la crisi. Le ragioni di un problema non vannoRead More

Posted On gennaio 7, 2017By Cinzia - The EnquirerIn Lavoro, Società, Sviluppo

Quale stella guida le scelte nel mondo del lavoro?

Se l’Epifania tutte le feste porta via, è pur vero che qualche domanda rimane a farci compagnia. Battuta a parte, appena ieri abbiamo ricordato il viaggio dei Re Magi guidati dalla stella per giungere alla loro meta e, proprio il pensiero del ruolo esercitato da questo corpo celeste nell’intera vicenda, rappresenta un richiamo propizio per domandarsi: quale stella guida, oggi, le scelte dei diversi attori che operano nel mondo del lavoro? La stella della crescita, del profitto, dell’industria 4.0, dell’occupazione, dello sviluppo, del bene comune, della lotta alla povertà? Nell’eraRead More

Posted On dicembre 31, 2016By Cinzia - The EnquirerIn Lavoro, Società, Sviluppo

Anno 2017: liberi e forti per una nuova cultura del lavoro

Potrebbe risultare strano che, per augurare buon anno, si prendano in prestito parole antiche come quelle che Papa Leone XIII pronunciò nel lontano 1891 in merito alla relazione tra le classi sociali, ai loro mutui doveri imposti dalla giustizia, senza accordare sconti a chicchessìa. Eppure non lo è, dal momento che alcune parole antiche, universali,comprensibili al di là del credo religioso, sono ancora utili per descrivere temi sempre aperti, per ricordare come una vera e nuova cultura del lavoro può diffondersi se ogni uomo ha anzitutto contezza della propria eRead More

Posted On dicembre 14, 2016By Cinzia - The EnquirerIn Economia, Sviluppo

Governo Gentiloni e Mezzogiorno: che posto ha la priorità?

A poche ore dall’istituzione del Ministero senza portafoglio per la Coesione Territoriale e Mezzogiorno una domanda nasce spontanea: perchè la “causa” del Mezzogiorno è stata inserita nell’area della coesione territoriale e non dello sviluppo economico? Perchè in fase di “revisione” nella composizione della squadra di lavoro ( il virgolettato è d’obbligo) e della sua impostazione metodologica, non si è proceduto a dare l’avvio al Ministero per lo Sviluppo economico e il Mezzogiorno, anzichè creare un ministero senza portafoglio che ha soprattutto un significato politico? La causa del Mezzogiorno, per intenderci,Read More