paolo-vi

Per voi, Lavoratori! Un messaggio sempre attuale di Paolo VI

Il 24 dicembre del 1968 Papa Paolo VI si recò alle acciaierie di Taranto per far visita ai lavoratori  e, dopo i doverosi ringraziamenti alle autorità civili e non solo, che permisero il suo ingresso nello stabilimento siderurgico, esordì con queste parole: “Ma ora a voi, Lavoratori, che cosa diremo nel breve momento concesso a questo nostro rapido incontro?

Papa Paolo VI, dopo aver espresso la consapevolezza di come nel mondo moderno lavoro e religione sembrino due cose separate, talvolta contrapposte, anche se “questa reciproca incomprensione non ha ragione di essere”, proseguì con un messaggio che interpella, a distanza di quasi cinquant’anni, alcune delle questioni aperte del nostro tempo: “Cari Lavoratori! Voi vedete come quando lavorate in questa officina è, in certo senso, come se foste in Chiesa; voi vedete come lavoro e preghiera hanno una radice comune, anche se espressione diversa. Qui due mondi s’incontrano: la materia e l’uomo; la macchina, lo strumento, la struttura industriale da una parte, la mano, la fatica, la condizione di vita del lavoratore dall’altra. Il primo mondo, quello della materia, ha una sua segreta rivelazione spirituale e divina; ma quest’altro mondo, che è l’uomo, impegnato nel lavoro, carico di fatica, e pieno lui stesso di sentimenti, di pensieri, di bisogni, di stanchezza, di dolore, quale sorte trova qui dentro? Qual è, in altri termini, la condizione del Lavoratore impegnato nell’organizzazione industriale? Sarà macchina anche lui? Puro strumento che vende la propria fatica per avere un pane, un pane da vivere; perché prima e dopo tutto, la vita è la cosa più importante d’ogni altra; l’uomo vale più della macchina e più della sua produzione”.

Queste parole, insieme a tutto il testo del messaggio, dimostrano quanto la dimensione del lavoro rechi in sè perennemente quel delicato equilibrio che non andrebbe mai interrotto, disturbato, vìolato, per consentire all’uomo di vivere libero e non schiavo delle macchine come del tempo. Secondo quanto accennato in precedenza, nel breve passaggio riportato, era già visibile da allora la trasformazione in campo del lavoro, erano già percepibili le preoccupazioni di questa trasformazione, della condizione del lavoratore all’interno della stessa, della fatica che può addirittura ingabbiare corpo e spirito.

Il dibattito pubblico è tuttora attraversato da queste ansie: si parla di industria 4.0, della chiusura domenicale degli esercizi commerciali. Lo sforzo comune che tutti dovremmo fare per vivere le sfide che il contesto attuale ci presenta è, però, uno solo: il coraggio del realismo.

Il progresso industriale in atto, lo sviluppo di nuove tecnologie sono processi che si possono arrestare? Davvero possiamo ancora pensare che la domenica il mondo si possa fermare? Perchè, poi, il riposo domenicale dovrebbe riguardare soltanto gli esercizi commerciali? Spegniamo le TV? Interrompiamo le dirette di trasmissioni come “A sua immagine”? E chi decide di vivere il riposo lontano da casa, troverà stazioni di servizio o autogrill chiusi? Anche i pellegrinaggi religiosi dovrebbero essere banditi dalle programmazioni parrocchiali, visto che vengono organizzati nei fine settimana e che per gli spostamenti ci si avvale di pullman e dunque di autisti. E proprio gli autisti, come le badanti, gli infermieri, i poliziotti, i giornalisti, non sono forse anch’essi dei lavoratori?

Il coraggio del realismo non è un invito ad escludere, bensì ad includere, ad inventare nuovi modi e nuove vie perchè il progresso non disumanizzi il lavoro e perchè il troppo lavoro non disumanizzi la persona.

E proprio di visione realista e non materialista parlò ancora Paolo VI ai lavoratori nel messaggio della notte di Natale del 1968: “Voi avete davanti una visione estremamente realista, ma non materialista. Voi sapete come trattare la materia, che sembra ingrata e refrattaria ad ogni tentativo dell’arte umana; sapete trattarla e dominarla, perché, da un lato, siete diventati così intelligenti, voi e chi vi dirige, da scoprire le leggi nuove del mestiere umano, cioè dell’arte di dominare le cose, e, d’altro lato, avete scoperto, voi e i vostri maestri, le leggi nascoste nelle cose stesse. Le leggi? Che cosa sono le leggi, se non pensieri? Pensieri nascosti nelle cose, pensieri imperativi che non solo le definiscono con i nostri nomi comuni, ferro, fuoco, o altro, ma che danno ad esse un loro essere particolare, un essere che da sé, è evidente, le cose non sanno darsi, un essere ricevuto, un essere che diciamo creato.”

La visita di Paolo VI ai lavoratori presso le acciaierie ci indica come la Chiesa debba stare nel mondo, vivere dentro le situazioni, accanto all’uomo, raggiungendolo dove egli spende la sua vita, anche se di domenica e mentre lavora, perchè l’incontro e il dialogo con quella vita non abbia a cessare. In molte contesti lavorare di domenica non vuol dire diritto al riposo negato. Probabilmente il riposo verrà stabilito in un altro giorno della settimana, secondo dei turni stabiliti.  Per un cattolico il significato della domenica va oltre il semplice riposo, questo è chiaro, ed è per questo che la Chiesa è chiamata ad andare e a stare lì, dove si trova l’uomo.

Certo, Paolo VI ringraziò le autorità per la possibilità concessagli di accedere alle acciaierie, segno che non è così facile per la Chiesa raggiungere l’uomo sui posti di lavoro. Dialoghiamo su questo. Per la Chiesa il coraggio del realismo lo impone.

Per l’uomo, invece, per il lavoratore, il coraggio del realismo si traduce nel coraggio di stare dentro le trasformazioni del lavoro, per guidare il cambiamento e non subirlo come destino ineluttabile.

 

La mia quasi ventennale esperienza lavorativa riguarda l’ambito amministrativo-commerciale, ma da sempre coltivo l’amore per la scrittura. Nel 2014 ho pubblicato un volume sul tema del lavoro “Alziamo il tiro. Un corpo a corpo con la Rerum Novarum, tra i falsi rimedi di ieri e di oggi”. Amo la conoscenza e cerco di combattere l’ignoranza: la mia e quella degli altri.

Rispondi