Monthly Archives: "Novembre 2016"

Posted On Novembre 24, 2016By Cinzia - The EnquirerIn Lavoro, Smart working

Smart workers: agili o intelligenti?

In un’epoca in cui tutto è divenuto flessibile, mobile, fluido, non si poteva certo non spogliare lo smart working del suo originario significato di “lavoro intelligente” per appiccicargli addosso un altro che fosse più rispondente ad un’idea di lavoro che proprio parole come flessibilità o mobilità possono aver generato: lavoro agile. La libertà di interpretazione adottata appare ancora più evidente se il termine agile viene affiancato a quello di “lavoratori”, che diventano, così, smart workers. Un’espressione che dice tutto e non dice niente e che non può non porci diRead More

Posted On Novembre 21, 2016By Cinzia - The EnquirerIn Lavoro, Società, Sviluppo

Sviluppo: misure senza misura? Stop allo spot

Affermare che un certo linguaggio demagogico, a tratti populista, sia trasversale ai diversi partiti o movimenti politici presenti sulla scena pubblica non equivale certo a generalizzare e a distorcere la realtà. Lo confermano i fatti che li vedono coinvolti, i loro annunci, timidi o spudoratamente evidenti, in merito a misure pro-sviluppo che, a volte, si rivelano un po’ senza misura. Ciò che conta, in ogni caso, è capire quanto e come questo linguaggio stia attaccando nel nostro Paese la cultura del lavoro, laddove per lavoro si intenda, come sottolinea nelRead More

Posted On Novembre 17, 2016By Cinzia - The EnquirerIn Lavoro, Sviluppo

Legalità: se la carta non canta più

Dice bene Raffaele Cantone: “Non è pensabile fare sviluppo senza legalità”. Il punto è che si continua a parlare di legalità dimenticando che la nostra società ha messo in “stand by” la capacità di giudicare rettamente le proprie azioni, il buonsenso. “Il buon senso c’era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune“, scrive Manzoni. Il senso comune che, oggi, riconosce nel corrotto, in chi vìola la legge, un semplice furbetto, nulla di più. Termini come Nazione, comunità, stimolano sempre meno un senso di appartenenza e di aperturaRead More

Posted On Novembre 11, 2016By Cinzia - The EnquirerIn Impresa, Lavoro, Sicurezza sul lavoro, Società

ll vento del regresso

Le ultime elezioni presidenziali americane hanno messo in evidenza come la stampa, in generale, non riesca più a leggere i “segni dei tempi”, per farsene interprete e raccontarli con una buona percentuale di fedeltà. Il riferimento non è solo al contesto degli States. Comunque sia, le ragioni della scarsa capacità della stampa di “stare sul pezzo”, per usare non a caso un’espressione giornalistica, di intercettare le trasformazioni, possono essere tante, certamente legate ad una buona dose di sua sudditanza nei confronti del potere politico, economico e finanziario. Una sudditanza cheRead More
Finalmente la legge per il contrasto al caporalato e al lavoro nero in agricoltura è una realtà. Possiamo gioire anche se la battaglia contro le schiavitù sul lavoro è tutt’altro che conclusa. Il prezioso e ampio contributo della dott.ssa Simona Loperte, Segretaria Nazionale Movimento Lavoratori di Azione Cattolica. La Camera dei Deputati ha approvato definitivamente la Legge per il contrasto al caporalato e al lavoro nero in agricoltura. Il plauso è stato unanime e nei numerosi commenti, giunti dai diversi schieramenti politici, ha prevalso la parola “civiltà”: atto di civiltà,Read More

Posted On Novembre 3, 2016By Cinzia - The EnquirerIn Lavoro, Società

Tina Anselmi e Giuseppe Di Vittorio: la meritocrazia

Nel giro di pochi giorni, di poche ore, abbiamo ricordato due figure di italiani, una donna e un uomo, che hanno messo la loro vita a servizio del Paese: Tina Anselmi e Giuseppe Di Vittorio. Quello che sta per andare in onda non è minimamente il tentativo di idolatrare nè l’una nè l’altro, bensì la messa a fuoco di un dono, ad entrambi appartenuto, che è timidamente visibile nelle attuali figure istituzionali: l’essere per servire, un aspetto importante, poco discusso, della meritocrazia. Un essere, quindi, che non fa riferimento tantoRead More

Posted On Novembre 3, 2016By Cinzia - The EnquirerIn Lavoro, Società

Dall’Appennino la svolta buona per crescere

Se ascoltiamo con attenzione le testimonianze che in queste ore giungono dai luoghi del Centro Italia colpiti dal terremoto, constatiamo come la gente d’Appennino, nonostante le enormi perdite, la difficoltà della ricostruzione, non pensi minimamente di abbandonare la propria terra. Il filo rosso che tiene insieme la paura e la speranza è la ferrea volontà di custodire il proprio territorio e il legame con esso. Questo obiettivo non presenta nessuna stranezza, anche se la fermezza nel volerlo raggiungere non può che suscitare una domanda, alla luce dell’universo del lavoro cheRead More